Generalmente, se possibile è sempre consigliabile un intervento di risanamento globale piuttosto che parziale e diluito nel tempo, perché gli interventi che riguardano l’involucro e gli impianti possono essere meglio armonizzati con maggiori potenzialità di risparmio; si minimizza il rischio di danni alla costruzione a seguito ad esempio di sostituzione di finestre senza aver prima isolato le pareti esterne; si possono maggiormente razionalizzare le spese d’investimento in quanto si opera in sinergia.
Qualsiasi intervento volto al miglioramento dell’efficienza energetica dell’esistente, per essere efficace, dovrà riguardare l’involucro e l’impiantistica installata. Un risanamento energetico eseguito a regola d’arte deve puntare in primo luogo a ridurre al minimo le perdite maggiori di calore, quelle che avvengono per trasmissione attraverso tutti gli elementi non coibentati che delimitano l’involucro: pareti perimetrali, tetto o ultimo solaio e solaio verso scantinato o contro terra. Tali perdite possono essere diminuite applicando un isolamento termico il più possibile privo di interruzioni all’intero involucro e mettendo in opera serramenti di alta qualità e a tenuta all’aria.

Questo è un messaggio d’esempio!
  • Inserisco una voce d’elenco
  • Ne inserisco un’altra con una stellina